Cori razzisti con l’Alto Adige: multa di 5mila euro al Como

alt«Cori inneggianti alla discriminazione razziale». Con questa motivazione, il giudice sportivo della Lega Pro ha inflitto una multa pesantissima al Calcio Como, ben 5mila euro.
Secondo il comunicato della Lega, i cori sarebbero stati ripetuti più volte dai tifosi lariani nel corso dell’ultima partita, terminata 2-2 con l’Alto Adige al Sinigaglia.
Oltre a questo provvedimento, è arrivata anche una giornata di squalifica, per somma di ammonizioni, per il difensore Francesco Luoni, che

dunque salterà la prossima partita, la trasferta di lunedì a Cremona.
In compenso mister Giovanni Colella potrà recuperare il capitano Andrea Ardito e Cesare Ambrosini, che, sempre per squalifica, hanno saltato il match con gli altoatesini, ma che tornano disponibili per i grigiorossi.
Fatto curioso, per il derby lombardo tra azzurri e cremonesi è stato designato un direttore di gara di Varese, Daniele Minelli. Uno dei due guardalinee (Edoardo Raspollini), peraltro, è di Livorno, altra piazza che con quella lariana ha una storica rivalità. Cose che hanno fatto mugugnare i tifosi, già sul piede di guerra per una serie di recenti decisioni arbitrali sfavorevoli.
Considerato che si giocherà di lunedì, l’allenatore Giovanni Colella ha concesso un giorno in più di riposo ai suoi giocatori. Ieri, dunque, gli azzurri sono rimasti a casa. La ripresa della preparazione è fissata per oggi.

Nella foto:
Una fase della gara di domenica scorsa fra Como e Alto Adige. Dopo questo match il Calcio Como è stato multato con la pesante sanzione di 5mila euro per cori razzisti. Luoni, invece, è stato squalificato per un turno

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.