Cormorani voraci, a rischio i pesci del lago. A breve scatterà un’operazione di abbattimento di 923 esemplari

Esemplari di cormorano

Cormorani sempre più dannosi per i pesci del lago. la loro voracità metterebbe infatti a rischio alcune specie. Imminente dunque anche sul Lario un’operazione di abbattimento selettivo che partirà il 17 novembre. Ad annunciarlo è l’assessore regionale all’agricoltura Fabio Rolfi. «L’incremento in Lombardia del cormorano ha determinato la riduzione di una quota sempre più significativa negli stock ittici, con effetti dannosi sulle produzioni e sulle attività di pesca professionale e sportiva. Per tutelare le popolazioni ittiche di pregio naturalistico e di maggiore interesse per la pesca abbiamo autorizzato un controllo selettivo del cormorano nelle province di Varese, Como, Lecco, Bergamo, Brescia. Si tratta di una deroga condivisa con l’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale e molto attesa dai pescatori lombardi». Gli abbattimenti dovranno avvenire nel periodo compreso tra il 17 novembre 2018 e il 15 marzo 2019 nelle province di Bergamo, Brescia, Como, Lecco, Varese. I termini temporali coincidono con i periodi di massima presenza del cormorano in Italia.
Gli interventi riguarderanno 923 cormorani, pari al 10% dei cormorani conteggiati con il “Censimento Annuale degli Uccelli Acquatici Svernanti in Lombardia – International Waterbird Census” nel mese di gennaio 2018.
Per non superare il numero massimo di capi abbattibili, sarà effettuato un monitoraggio da parte della Direzione Generale Agricoltura di Regione Lombardia. «I cormorani hanno determinato, ad esempio, scompensi ad alcune specie già minacciate e di particolare rilevanza faunistica come l’alborella e il triotto. In termini quantitativi si stima una quantità media di pesce ingerito giornalmente dal cormorano di 500 grammi», ha aggiunto l’assessore. Queste le zone di intervento: dal comune di Como al confine settentrionale del comune di Laglio, dal confine meridionale del comune di Argegno al confine settentrionale del comune di Tremezzo, dal confine meridionale del comune di Musso al confine settentrionale del comune di Domaso, dal comune di Como al confine settentrionale del comune di Faggeto Lario, dal confine meridionale del comune di Nesso al confine settentrionale del comune di Lezzeno. Il torrente Breggia, dal confine italosvizzero alla foce a lago.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.