Coronavirus, alleanza Sociale-Olo Creative Farm per portare “Rigoletto” alle scuole

Il sipario del Sociale con la morte di Plinio durante l'eruzione del Vesuvio

Teatro Sociale di Como – AsLiCo e la factory multimediale lariana Olo creative farm si alleano per contrastare l’emergenza coronavirus sul fronte educativo. Hanno dato vita in pochi giorni ad un nuovo format, per far fronte alle nuove necessità didattiche, sorte nelle ultime settimane, dall’emergenza coronavirus: si chiama “Opera domani HOME”, destinato alle fasce di età 6 – 13 anni, usufruibile nell’immediato solamente dagli studenti delle classi di quinta elementare e terza media, che non potranno prendere parte alle recite riprogrammate in autunno del circuito “Opera domani”, per non vanificare i laboratori di canto e scenici già svolti. “L’AsLiCo, con i progetti di Opera education – afferma Fedora Sorrentino, presidente del Teatro Sociale di Como / AsLiCo – da più di 25 anni si fa portatore di innovazione, per diffondere contenuti culturali, di didattica musicale ma non solo, come i numeri in crescita ed i tour in tutta Italia e all’estero dimostrano di edizione in edizione. Devo ringraziare OLO creative farm per aver accolto immediatamente il nostro invito ed averci permesso di ritornare operativi su Opera domani in pochissimo tempo”. “Si parte con Rigoletto – afferma Barbara Minghetti, ideatrice e curatrice progetti Opera education – con l’emergenza della chiusura dei teatri e l’annullamento delle gite scolastiche al momento fino al 15 marzo, Opera domani sta riprogrammando le recite calendarizzate fino a quella data, soprattutto nei Teatri del Nord Italia, e desidera mitigare il più possibile il disagio creato a quei bambini, che si erano preparati per andare in scena in questi giorni, che avevano creato oggetti di scena e imparato i cori musicali; attendevano trepidanti di varcare le porte dei teatri delle loro città, in queste settimane chiusi”. L’idea è stata quella di creare un prodotto multimediale, in grado di entrare nelle classi -le quinte elementari e le terze medie- che non ci saranno a ottobre, quando verrà riprogrammata parte della tournée. “In questo momento difficile per l’accessibilità alla cultura e allo spettacolo, abbiamo fin da subito sposato l’idea del Teatro Sociale di Como / AsLiCo di sperimentare, con uno strumento come il video, creando un progetto, che potesse portare l’opera fuori dai confini dello spazio teatrale, ed entrare con facilità nelle scuole, nelle case e nei luoghi difficili da raggiungere, in termini logistici e di produzione, senza diventare un surrogato dello spettacolo live, bensì una sua estensione. Crediamo fortemente che questa sperimentazione, dovuta ad una contingenza, possa diventare in futuro un format e aprire un nuovo mercato nel campo culturale, come sta già accadendo in molte capitali mondiali” dice Max de Ponti, presidente di OLO creative farm.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.