Coronavirus: Brasile, colpite 44 tribù

Divergenza di dati tra il governo e gli enti di tutela indigeni

(ANSA) – SAN PAOLO, 20 MAG – Dopo 69 giorni dalla dichiarazione della pandemia di coronavirus, la malattia ha già colpito 44 tribù di indios brasiliani, secondo l’Articolazione delle popolazioni indigene del Brasile (Apib), che segue l’avanzamento del virus attraverso il Comitato nazionale per la vita e la memoria indigene, il quale ha registrato 610 casi di infezione e 103 morti. L’ultimo bollettino epidemiologico della Segreteria speciale per la salute indigena (Sesai), collegata al ministero della Sanità, indica invece 402 casi confermati e 23 decessi. Per gli esperti della causa indigena, la differenza tra i dati si deve al fatto che il governo esclude dal conteggio gli indios che vivono in aree urbane. Secondo Abip, lo Stato che concentra il maggior numero di morti tra gli indios è quello di Amazonas (nord), con 78 casi.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.