Coronavirus, casi sospetti al Sant’Anna. Arrivato l’esito degli esami: è negativo

Pronto soccorso Ospedale Sant'Anna

Tre casi sospetti di coronavirus al Sant’Anna, tutti con esito negativo. Nel presidio di San Fermo della Battaglia, nel pomeriggio di oggi è scattato il protocollo previsto a livello regionale e nazionale per una famiglia, marito e moglie con un figlio piccolo, che avevano febbre alta ed erano rientrati da poco da un viaggio in Cina.
Nel nosocomio sono state applicate le procedure standard per l’intera famiglia, persone non di nazionalità cinese residenti sul territorio. Erano arrivati da Pechino e la febbre ha fatto inevitabilmente scattare l’allerta perché si tratta appunto di uno dei sintomi che può far pensare al coronavirus che ha contagiato migliaia di persone, con focolaio a Wuhan.
Il direttore generale dell’Asst Lariana Fabio Banfi, pur non potendo dare alcuna informazione sui casi e sui pazienti, ha confermato che era stata attivata la procedura standard per i casi sospetti di coronavirus.
«Nessun allarme – ha ribadito lo stesso direttore generale – Si tratta solo di una procedura standard attivata perché in presenza di casi sospetti».
I pazienti sono stati ricoverati temporaneamente al Sant’Anna, mentre i campioni di sangue prelevati sono stati subito inviati all’ospedale Sacco di Milano, che è il centro di riferimento regionale istituito per l’emergenza sanitaria in atto.
Questa sera poco prima delle 20 sono giunti gli esiti dall’ospedale del capoluogo, esiti tutti negativi. Non si tratta dunque di casi di coronavirus e il potenziale allarme è subito rientrato. «Dopo accurate verifiche effettuate emerge che non esiste nessun caso di coronavirus in provincia di Como», ha confermato in serata l’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.