Coronavirus: Cisgiordania,scontri supermarket chiuso,1 morto

Dopo incidenti

(ANSAmed) – TEL AVIV, 26 FEB – Un morto e quattro feriti è il bilancio di incidenti verificatisi ieri a Nablus (Cisgiordania) quando, secondo media locali, reparti delle forze di sicurezza palestinesi hanno imposto la chiusura di un supermercato rimasto aperto nella serata malgrado le severe restrizioni imposte dall’Autorità nazionale per contenere il coronavirus. L’agenzia di stampa Maan ha identificato l’ucciso in Imad al-Din Abu al-Amid Dweikat, 54 anni, segretario della sezione di al-Fatah nel rione di Balat al-Balad. L’uomo, secondo Maan, è stato colpito da un proiettile sparato da agenti. Il governatore della città, il gen. Ibrahim Ramadan, ha ordinato l’apertura immediata di una inchiesta e ha lanciato appelli alla calma. Nel frattempo fra i palestinesi il numero dei casi positivi dall’inizio della pandemia (in Cisgiordania, a Gaza e a Gerusalemme est) è salito, secondo il ministero della Sanità, a 12.795. Fra venerdì e sabato sono stati registrati quasi 400 nuovi contagi. Il numero dei decessi è adesso di 78.(ANSAmed). (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.