Coronavirus: golf, USGA annulla qualificazioni per US Open

Possibilità preclusa a molti dilettanti

(ANSA) – ROMA, 19 MAG – La United States Golf Association (USGA) annulla tutte le qualificazioni per lo US Open di golf, uno dei 4 Major del green maschile in programma dal 17 al 20 settembre a Mamaroneck (New York), a causa dell’emergenza sanitaria. "E’ stata una decisione incredibilmente difficile – il commento di John Bodenhamer, membro della USGA – e siamo profondamente dispiaciuti di non poter concedere a tantissimi ragazzi l’opportunità di perseguire un sogno". Il programma originale prevedeva infatti 108 tornei di qualificazione in America e altri 12 in otto diversi stati come anche Giappone, Inghilterra e Canada. Un processo davvero enorme che da sempre ha contribuito a rendere lo US Open come uno dei tornei più "aperti" e democratici. Tutto questo non significa che in uno dei tornei più attesi del calendario 2020, stravolto a causa del coronavirus, non ci saranno giocatori dilettanti al fianco dei big. Nel 2019 a debuttare toccò a Viktor Hovland, giovane norvegese passato al professionismo pochi mesi più tardi e ora tra i talenti più in erba del circuito. Ma certamente non sarà possibile neanche sperare in imprese come quella firmata dall’americano Francis DeSales Ouimet nel 1913. Vincitore del Massachusetts amateur, il presidente della USGA di allora, Robert Watson, nello stesso anno lo invitò a partecipare allo US Open nel percorso che Ouimet conosceva meglio: il Country Club di Brooklyne. Il risultato? Ouimet riuscì a trionfare allo spareggio contro leggende britanniche del calibro di Harry Vardon e Ted Ray, diventando così il primo amateur della storia a conquistare lo US Open. (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.