Ats Insubria: “Nessuna riaccensione dell’epidemia”

Nembro presenta una positività sierologica pari al 48

Ats Insubria ha diffuso i dati arrivati all’Uoc (Unità operativa complessa) Epidemiologia del Dipartimento di Igiene e Sanità al 1° agosto.
I casi registrati dall’inizio della epidemia sono 7.986 rispetto al 25 luglio il saldo positivo è +39, di cui +30 in provincia di Varese e soltanto +9 in provincia di Como. Attualmente i positivi sono il 4,6%, i guariti l’80,1% e i deceduti il 15,3% .

“Rispetto alla settimana precedente – spiegano dall’Ats Insubria nella nota – si è osservato un lieve aumento dei nuovi casi totali (da 37 a 39, ossia +5,4%), una riduzione dei casi attualmente positivi (-61, da 426 a 365); per i deceduti si è osservato una riduzione (da 4 a 1) ma, a questo proposito, occorre ricordare che i decessi si riferiscono a casi che hanno contratto l’infezione alcune settimane prima. Il 92% della mortalità è a carico della popolazione anziana (>64 anni), dato rimasto invariato dall’inizio”.

“A circa 50 giorni dall’avvio della terza fase di apertura delle attività lavorative del 4 giugno – si legge ancora – non si rilevano segnali di riaccensione dell’epidemia, ma si registrano le oscillazioni tipiche di una condizione endemica. Si considera, pertanto, positivo il dato relativo all’incidenza settimanale che, nelle ultime tredici settimane, si è progressivamente ridotta, passando da 41,7 a 2,6 per 100.000 abitanti, sia pure con un lieve aumento nelle ultime due rispetto alla terz’ultima. Si segnala, inoltre, che in Lombardia i casi con tampone positivo, in corso di screening sierologico, risultano, nel report giornaliero del 1° agosto, 9 su 62 (14,5%)“.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.