Coronavirus. Il problema delle case di riposo nel comasco

Pronto soccorso

Picco di nuovi casi di coronavirus in provincia di Como. La situazione nelle case di riposo.
«Oltre 400 tamponi, per la precisione 415, sono stati effettuati o distribuiti alle strutture sociosanitarie del territorio lariano». Lo annuncia in una nota l’Ats Insubria, che risponde al grido d’allarme lanciato nelle ultime settimane per la situazione che si sta vivendo nelle case di riposo. «L’Ats – si legge nella nota – ha condotto l’attività di gestione dell’emergenza Covid in atto, in stretto raccordo con la Direzione Generale Welfare di Regione Lombardia, le Prefetture, i sindaci, i medici di Medicina Generale, le associazioni, le Asst del territorio, la Protezione Civile. I dati evidenziano una realtà che necessita di un’attenta vigilanza, ma meno grave che in altri territori». Ats Insubria ha istituito l’Unità di Crisi Rsa lo scorso 28 marzo. Alle strutture della provincia di Como, l’Ats comunica di aver distribuito 29.878 dispositivi di protezione individuale. «Su 10.068 ospiti – annunciano nella nota – sono deceduti in ospedale o in struttura 30 soggetti, pari allo 0,3 per cento». Intanto è in fase di definizione un protocollo operativo di diagnosi precoce di polmonite Covid, a domicilio e nelle Rsa, con l’impiego di un ecografo mobile e l’intervento di un tecnico di radiologia, per proteggere i pazienti più fragili e non trasportabili. «Sono state trasmesse alle strutture sociosanitarie del territorio tutte le comunicazioni pervenute in merito da Regione Lombardia – dicono dall’Ats – con le indicazioni per la gestione operativa per il contenimento del Covid-19». È stato inoltre istituito un servizio telefonico per il supporto psicologico degli operatori sociosanitari. «Un attento monitoraggio della situazione – dichiara il direttore sociosanitario dell’Ats Insubria, Esterina Poncato – ha prodotto il risultato positivo di un elevato numero di Rsa Covid-free».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.