Coronavirus: premier Giappone preoccupato per aumento casi

Segnalati nuovi focolai nelle regioni a nord dell'arcipelago

(ANSA) – TOKYO, 07 NOV – Il premier giapponese Yoshihide Suga avverte sui rischi di una possibile accelerazione dei contagi da coronavirus con l’approssimarsi dell’inverno e la tendenza delle persone a rimanere negli spazi al chiuso. "Dobbiamo osservare la situazione sotto un’altra ottica e con estrema cautela rispetto alla stagione precedente", ha detto Suga durante un’audizione parlamentare, appena un giorno dopo il superamento di quota 1.000 dei casi giornalieri nel Paese, per la prima volta da fine agosto. Oltre all’aumento delle positività nei grandi centri metropolitani, quali Tokyo e Osaka, sono stati segnalati focolai nella prefettura dell’Hokkaido, a nord dell’arcipelago, e in altre regioni a nord-est del Paese. Gli esperti sostengono che la tendenza potrebbe essere legata al fatto che l’abbassamento delle temperature abbia costretto un maggior numero di persone a passare più tempo in luoghi al chiuso con scarsa ventilazione. Il governatore dell’Hokkaido, Naomichi Suzuki, ha anticipato l’innalzamento del livello di allerta a 3 su una scala di 5 a partire da questo fine settimana, e la riduzione degli orari di apertura delle attività nel quartiere a luci rosse di Susukino, fonte del maggior numero di contagi. Il governo metropolitano di Tokyo ha segnalato 242 nuovi casi nella giornata di venerdì, portando il totale a 32.135, il livello più alto tra le 47 prefetture. In una conferenza stampa il capo di Gabinetto Katsunobu Kato ha aggiunto che l’esecutivo "non risparmierà alcuno sforzo per ridurre l’espansione del virus, lavorando con le autorità locali per coordinare un ulteriore aumento dei test nelle regioni maggiormente a rischio". A livello nazionale i casi di Covid in Giappone si assestano a quota 106.938, con 1.825 decessi complessivi. (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.