Coronavirus, prosegue la raccolta fondi, ma attenti alle truffe

I morti sono oltre 14.700

Prosegue senza sosta la campagna della Fondazione Provinciale Comasca con il Fondo Emergenza Coronavirus. L’obiettivo di queste ore è toccare e quindi superare il milione e mezzo di euro. A testimonianza del grande cuore dei comaschi, si sono sommate donazioni dai soggetti più vari. Da segnalare il contributo dell’Associazione Nazionale Costruttori Edili (Ance) di Como, che ha fatto sentire la propria vicinanza agli ospedali comaschi in questo momento difficile con una donazione particolarmente consistente e generosa.
Continuano anche i videomessaggi di personaggi pubblici della provincia lariana che invitano a sostenere il Fondo, tra i tanti i calciatori Dario Toninelli e Claudio Pelosi, i musicisti Davide Alogna e Andrea Parodi e l’ex ciclista Claudio Chiappucci.
Una grande partenza anche per la raccolta del Fondo “Io ci sarò! Costruiamo il nostro futuro, insieme – Emergenza Coronavirus” che è stato creato da Confindustria Como presso la Fondazione Provinciale Comasca per contrastare l’emergenza sanitaria. In pochissimo tempo sono state raccolte ingenti risorse grazie alla sensibilità di diverse aziende del nostro territorio, quali ad esempio la Lisa spa, la tessitura Taiana e la Poliform che non ha fatto mancare il proprio sostegno versando 100.000 euro.
In campo anche i soci del club di servizio Lions Como Host che ha sede al Ridotto del Sociale di Como che ha deciso di donare 20mila euro agli ospedali comaschi in difficoltà in questi giorni di allerta.
Allerta infine della polizia di Stato su una falsa raccolta fondi per l’ospedale Sant’Anna di San Fermo della Battaglia. L’azienda ha denunciato la campagna fasulla, attivata su un sito di crowdfunding, che utilizzava illecitamente l’immagine della struttura ospedaliera.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.