Coronavirus, tampone ai comaschi che rientrano da Spagna, Croazia, Malta e Grecia: le regole da seguire

tampone

L’Asst Lariana ha comunicato oggi che, in merito all’esecuzione dei tamponi per chi rientra dall’estero, è necessario attendere la comunicazione dell’appuntamento e non è consentita l’autopresentazione nelle strutture della stessa Asst Lariana.

Con l’ordinanza di mercoledì scorso, 12 Agosto 2020, il Ministero della Salute ha disposto infatti l’esecuzione del tampone nasofaringeo a tutti coloro che rientrano in Italia da un soggiorno in Spagna, Croazia, Malta e Grecia.

L’ordinanza prevede l’obbligo di comunicare il proprio rientro al Dipartimento di Igiene e Prevenzione Sanitaria all’Agenzia di tutela della salute. Per i cittadini afferenti al territorio lariano l’ente di riferimento è Ats Insubria (ex Asl) a cui bisognerà inviare una mail scrivendo all’indirizzo rientro.estero@ats-insubria.it e allegando l’apposito modulo scaricabile dal sito di Ats Insubria (www.ats-insubria.it cliccare sul banner in home page “Rientro estero e Lavoratori Transfrontalieri”).

L’appuntamento per l’esecuzione del tampone sarà comunicato al cittadino interessato dall’azienda socio sanitaria territoriale Asst Lariana, ente preposto all’esecuzione del test. In alcun modo è consentita l’autopresentazione nelle strutture e negli ospedali di Asst Lariana. In attesa dell’esecuzione del tampone dovranno essere adottate le misure igienico sanitarie previste già dal Dpcm del 7 agosto 2020 con particolare riguardo all’uso continuativo delle mascherine e della limitazione allo stretto necessario degli spostamenti e in presenza di sintomi si dovrà contattare immediatamente il proprio medico di base.

Oggi è stato preso d’assalto il numero verde di emergenza 11.61.17: «Mi scuso per le difficoltà di comunicazione riscontrate da molti cittadini – ha sottolineato l’assessore regionale al Welfare, Giulio Gallera – Invitiamo tutti ad agire nella massima serenità, è un’azione importante di screening preventiva, e non uno stato di emergenza». 
Gallera ha anche precisato che per chi torna da Spagna, Croazia, Grecia e Malta non è necessario «nessun isolamento fiduciario ma l’uso continuativo delle mascherine e della limitazione allo stretto necessario degli spostamenti. In presenza di sintomi è opportuno contattare con urgenza il proprio medico di base».
Alla segnalazione del proprio ingresso nel territorio italiano all’Ats, precisa la Regione, «devono fare seguito o la presentazione dell’esito del tampone effettuato nelle 72 ore antecedenti il rientro in Italia oppure l’effettuazione di un nuovo test molecolare naso faringeo entro 48 dall’arrivo a casa».

Per maggiori informazioni e aggiornamenti è possibile contattare Ats Insubria al numero verde 800.76.96.22 attivo dalle 9 alle 17 anche nei giorni di sabato 15, domani, e domenica prossima, 16 agosto.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.