Cortina: 1/a prova discesa con polemiche su tracciatura

Migliore degli azzurri

(ANSA) – CORTINA D’AMPEZZO (BELLUNO), 12 FEB – La prima delle due prove cronometrate in vista della discesa mondiale uomini di domenica è stata dominata dalle polemiche sulla tracciatura. "Troppo lenta per le troppe porte. In discesa le porte devono esser aperte e non girare", ha detto un arrabbiato azzurro Dominik Paris. Come lui la pensano anche il campione svizzero Beat Feuz e molti altri atleti che hanno chiesto alla Fis di rivedere la tracciatura per la prova di domani. Sotto accusa è finito soprattutto il tratto precedente e successivo al micidiale salto Vertigine. Sono pendenze fortissime che, come già in superG, si è cercato di addolcire costringendo gli atleti a curvare molto e dunque a rallentare. Ma la forza centrifuga è comunque fortissima. Moltissimi atleti – tra cui Paris – hanno così saltato una o più porte. Il tracciatore – spinto evidentemente da ragioni di sicurezza tradotte però fosse in modo eccessivo – è addirittura il delegato tecnico Fis, l’austriaco Hannes Trinkl, un ex atleta. Ora si vedrà se la Fis adotterà delle modifiche. Il più veloce è stato comunque, in 1.42.36, l’austriaco Max Franz davanti al suo connazionale Otmar Striedinger in 1.42.56 ed al francese Johan Clarey in 1.42.57. Miglior azzurro Matteo Marsaglia con il 9/o tempo in 1.42.91. Decisamente più indietro o squalificati per salto di porta gli altri. (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.