Elezioni 2012

Così il voto ha cambiato i luoghi del potere

Bar, ritrovi-talismano, sedi dei movimenti: la nuova mappa dopo l’avvento del centrosinistra a Como
Un esito elettorale come quello che ha sconvolto gli antichi equilibri comaschi tra il 6 e il 21 maggio scorsi non cambia soltanto la geografia politica tra i banchi di Palazzo Cernezzi. Ci sono altri luoghi che raccontano i nuovi equilibri. Insomma, il centrosinistra al governo del capoluogo porta con sé nuovi riferimenti, fisici oltre che politici.
I NUOVI POTENTI
L’affermazione di Mario Lucini nasce sostanzialmente con due punti cardinali. Uno di sostanza, il secondo più che
altro come portafortuna. Il primo è senza dubbio il luogo simbolo del cambiamento di colore dell’amministrazione: l’auditorium del Don Guanella, in via Tommaso Grossi. Qui, infatti, si sono consumati i momenti salienti della (fortunata) campagna elettorale del neosindaco, fino al climax del 21 maggio scorso, con la festa per la vittoria che resterà un’istantanea (quella in alto a destra, peraltro) per sempre.
Ma c’è un altro posto che (consciamente o no) il centrosinistra, soprattutto nella grande anima Pd, dovrebbe eleggere a talismano. È il Birrificio di Camerlata. Ritrovo di cento, mille comizi politici di ogni colore, per carità. Ma ci sarà un motivo se, nel 2005, e poi ancora il 23 marzo del 2010, Luca Gaffuri aveva avviato la campagna elettorale tra fiumi di birra e salsicce e venne eletto in Regione, così come Mario Lucini, il 9 marzo scorso, ha ripetuto l’identico rituale con il risultato noto. Ancora non esiste un bar o una pizzeria di riferimento.
Ma è comprensibile: il concetto di “mangiata-diffusa” è più tipico del centrosinistra, rispetto al ristorante-totem più caro al centrodestra.
C’è poi il caso singolare della sede del Pd. È in via Regina 17.
A due passi da quella del Pdl, al 53 della stessa strada. Quale conti di più, oggi, a differenza soltanto di un mese fa, non è difficile da intuire.
GLI ANTICHI DOMINATORI
Sarà difficile, d’ora in poi, ascoltare le grandi strategie politiche del centrodestra al Bar San Fedele dell’ex assessore Enrico Cenetiempo (Pierangelo Gervasoni e Claudio Corengia, ospiti fissi). Al massimo, si potrà rubacchiare qualche ipotesi di opposizione. E due templi del bel vivere targato Pdl – i ristoranti di Villa Geno e dello Yacht Club – resteranno sempre belli uguali. Ma le sorti della città non dipenderanno più così tanto da quei branzini al sale consumati, per esempio, dal presidente della Provincia Leonardo Carioni, leghista doc e amante dell’ameno sito.
Così come si chiude (almeno in termini di potere al governo) l’epoca del ristorante-pizzeria “Ul Bacan” di Camerlata, dove i grandi tessitori del Pdl (Umberto D’Alessandro e Patrizio Tambini su tutti) hanno consumato pizze intere in onore del governo di Como. Insomma, la musica, anche a tavola, è cambiata.

Emanuele Caso

Nella foto:
L’auditorium del Don Guanella stracolmo di sostenitori di Mario Lucini la sera della festa per l’elezione a sindaco
25 Mag 2012

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dic: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto