Cronaca

Cosia, l’esercito dei volontari per riverniciare le ringhiere

altLa lotta al degrado
(m.d.) L’appuntamento è per le 7.30 di domenica mattina. L’obiettivo è fissato da giorni: rimettere a nuovo, a colpi di carta vetrata, pennello e vernice, le barriere di protezione lungo le rive del fiume Cosia, tra via Magenta e il ponte di San Martino. Ringhiere che sono in gran parte scrostate e arrugginite e che danno un’immagine tutt’altro che dignitosa della città. 

Proprio per questo è entrata in azione l’associazione “Per Como più pulita” – al cui fianco si è schierato il nostro giornale – che ha organizzato l’intervento di domenica mattina lungo il Cosia. Si tratta di un gruppo di volontari che, autofinanziandosi e mettendo in gioco il proprio tempo libero nei fine settimana, si adopera da tempo per contribuire a porre rimedio al degrado del capoluogo, ripulendo i muri imbrattati dai writer, estirpando le erbacce dai giardini pubblici e così via.
Per domenica 1 l’appuntamento è fissato alle 7.30 davanti all’ingresso del Setificio in via Castelnuovo.

«Noi arriveremo a quell’ora – afferma Anna Ballerini, la commerciante che presiede l’associazione – e monteremo il gazebo per la distribuzione del materiale necessario alle operazioni di verniciatura. Lavoreremo per l’intera mattinata e chiunque voglia darci una mano è benvenuto. Finora abbiamo ricevuto l’adesione di una cinquantina di volontari, ma contiamo che il numero possa aumentare nei prossimi giorni. Ben vengano anche sponsor e ditte disposte a donare il materiale necessario».

Per la giornata del 1° giugno serviranno infatti più di 80 pennelli per smalti, 300 fogli di carta vetrata a grana grossa, oltre 80 secchielli in plastica da 1 litro, altrettante paia di guanti da giardiniere e 10 litri di di acqua ragia.
«A chi verrà ad aiutarci daremo noi carta vetrata, pennelli e secchielli di vernici – spiega Francesco Bianchi, uno dei componenti di “Per Como più pulita” – Consigliamo di vestirsi in modo adeguato, visto che sarà inevitabile sporcarsi. E di portare, se possibile, guanti da giardino o in lattice».
Aumentano, intanto, le adesioni all’operazione Cosia. Tra chi ha promesso di dare una mano figurano diversi volti noti in città. A partire da Barbara Minghetti, presidente di As.Li.Co. «Io verrò senz’altro, adoro dipingere – spiega la numero uno del Teatro Sociale – È un’iniziativa molto bella: così si deve fare per migliorare l’immagine della nostra città. Nel pomeriggio, poi, noi saremo al Bassone dove abbiamo organizzato uno spettacolo di danza moderna per le detenute del carcere».
Anche dalla politica non mancano le risposte all’appello dell’associazione “Per Como più pulita”. «Vengo volentieri – afferma Laura Bordoli, capogruppo del Nuovo Centro Destra a Palazzo Cernezzi – anche perché io mi diverto a fare questi lavori. E mi sono arrabbiata quando il consiglio comunale non ha voluto dare un contributo a questa associazione. Sarebbe bastata anche una piccola somma: un gesto simbolico per dare un segnale di vicinanza concreto ai volontari».
Sul fronte opposto, scende in campo anche il Pd. «Conosco gli sforzi che sta facendo questa associazione – dice Stefano Fanetti, segretario cittadino del Pd – È fondamentale che i comaschi si facciano parte attiva nella cura della città, sia per chi vi abita sia per chi arriva da fuori. Io, altri miei compagni di partito e i giovani del Pd domenica saremo senz’altro presenti».
Dalla politica allo sport. «Anch’io parteciperò a questa iniziativa – dice Marco Flutti, direttore sportivo della Como Nuoto – Siamo noi comaschi a vivere nella nostra città, che è bellissima. Se diamo una mano a simili iniziative, alla fine vivremo in un contesto ancora più bello e maggiormente consono alla nostra vocazione turistica».

30 maggio 2014

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto