Covid: blogger cinese rischia 5 anni per reportage su Wuhan

Zhang Zhan

(ANSA) – ROMA, 18 NOV – Zhang Zhan, blogger cinese di 37 anni con un passato da avvocato, rischia fino a cinque anni di reclusione per aver diffuso "notizie false" sull’epidemia di Covid-19 a Wuhan. La donna, secondo quanto riporta la Bbc, è in carcere dal maggio scorso con l’accusa, spesso usata nei confronti degli attivisti in Cina, di "fomentare litigi e provocare guai". Secondo il Guardian, Zhang avrebbe fornito "informazioni false attraverso testi, video e altri media via Internet con l’uso di WeChat, Twitter e YouTube" e sarebbe finita nel mirino di Pechino per aver "accettato interviste da media stranieri come Radio Free Asia e Epoch Times" e per aver "fatto congetture in modo maligno sull’epidemia di Covid-19 a Wuhan". Zhang non è la prima giornalista ad aver avuto problemi per aver scritto sul virus divampato a Wuhan e poi diffusosi in tutto il mondo. Sono almeno tre i reporter scomparsi a febbraio: Li Zehua è riapparso ad aprile dicendo che era stato "messo in quarantena"; poi si è rifatto vivo anche Chen Qiushi che "era stato posto sotto la supervisione del governo", mentre di Fang Bin non si hanno ancora notizie. (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.