Covid, disposto il rinvio della sfida Cantù-Trieste

Jaime Smith Cantù

Un provvedimento previsto che ieri è stato annunciato ufficialmente dalla Lega Basket: la gara di domani a Desio tra Cantù e Trieste è stata rinviata.
La situazione legata al Covid in casa del club brianzolo è sempre più pesante: dopo l’ultimo giro di tamponi le positività registrate sono in totale otto. L’attività è ferma da una settimana e non si poteva fare altrimenti.
Per l’Acqua S.Bernardo è il secondo incontro non disputato e rimandato: i brianzoli, infatti, non erano scesi in campo nemmeno domenica scorsa in trasferta a Treviso.
In questa fase non è nemmeno possibile fare valutazioni sulla ripresa degli allenamenti e delle partite. Tutto è legato alle condizioni fisiche degli otto risultati positivi al Covid e alla loro guarigione.
L’unica notizia buona di queste ore è che il play Jaime Smith, nella foto, bloccato prima della partita in trasferta a Varese, ora non è più contagiato. Lo statunitense è l’unico che in questa fase è al lavoro per ritrovare la forma fisica.
La Lega Basket, dunque, ieri ha disposto il rinvio di Cantù-Trieste, ma non solo. L’organo di governo della serie A si è anche riunito in videoconferenza, con il presidente Umberto Gandini che ha illustrato ai club le richieste che saranno fatte al Governo.
Le domande saranno di contribuzioni a fondo perduto per risarcire le ingenti spese da sostenere mensilmente per l’attività di screening e di sospensione dei versamenti e contribuzioni in materia fiscale e previdenziale. Non solo, come spiega la Lega stessa in un comunicato si chiedono «interventi significativi per fornire liquidità agevolata al sistema che si trova costretto a giocare a porte chiuse, con ingenti conseguenze sui ricavi».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.