Covid, il Comune corre ai ripari: diga chiusa, limitazioni sul lungolago

Diga chiusa

In caso di un cambio di colore della Lombardia, con misure più stringenti sul movimento delle persone, potrebbero anche non essere più necessari, ma il Comune di Como ha deciso di varare una serie di provvedimenti anti-assembramento in città.
Palazzo Cernezzi ha deciso di intervenire, dopo i ripetuti appelli del sindaco Mario Landriscina e il presidio massiccio da parte delle forze dell’ordine, visto che comaschi e turisti lombardi continuano ad affollare le zone del centro e il lungolago.
Diga foranea chiusa, contingentati gli accessi al lungolago e alle aree limitrofe, istituzione del senso unico alternato per i pedoni nel centro storico e possibili interventi di limitazione di ingresso al pubblico in determinate aree della città. Sono soltanto alcuni dei provvedimenti anti-assembramento a cui starebbero lavorando i settori Polizia locale, Protezione civile, Reti e strade del Comune di Como. Una risposta al progressivo aumento dei contagi in provincia di Como come nel resto della Lombardia e alle recenti ordinanze firmate dal governatore Attilio Fontana per combattere il diffondersi delle varianti all’interno della regione con l’introduzione di microzone rosse e arancioni. Intanto, Como resta sorvegliata speciale.
In vista del weekend Palazzo Cernezzi sta studiando nuovi correttivi da mettere in atto per far rispettare le norme anti-assembramenti. L’obiettivo è che non si ripetano le scene viste durante i precedenti fine settimana: persone sedute ai tavoli di bar e ristoranti e passeggiate in centro con il lungolago preso d’assalto così come le vie dello shopping cittadino. Code di auto, parcheggi pieni e ciclisti ovunque.
Scene che si sono viste in tutta Italia e che i medici e gli addetti ai lavori guardano con estrema preoccupazione per il diffondersi dei contagi. Intanto a breve si riunirà il tavolo in Prefettura per decide proprio quali saranno le misure anti-assembramento da mettere in atto nel prossimo fine settimana. In quell’occasione il Comune presenterà i nuovi provvedimenti che confluiranno poi nella relativa ordinanza. 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.