Covid: Israele, percentuale contagi stabile al 3,5 per cento

Il lockdown ha avuto un esito migliore del previsto

(ANSAmed) – TEL AVIV, OCT 20 – Dopo un primo lockdown imposto lo scorso aprile, Israele è entrato alla fine di settembre nel suo secondo lockdown che – secondo il professor Eran Segal, un ricercatore dell’Istituto Weizman di Rehovot – ha avuto effetti più rapidi e più incisivi del previsto. Ciò è stato attribuito ad un più diffuso uso delle mascherine e ad un maggiore rispetto dei divieti di assembramento. Oggi i ministri del gabinetto del coronavirus torneranno a discutere di un ulteriore alleviamento del lockdown, ed in particolare esamineranno le precauzioni necessarie per la riapertura delle scuole. Dopo un primo lockdown imposto lo scorso aprile, Israele è entrato alla fine di settembre nel suo secondo lockdown che – secondo il professor Eran Segal, un ricercatore dell’Istituto Weizman di Rehovot – ha avuto effetti più rapidi e più incisivi del previsto. Ciò è stato attribuito ad un più diffuso uso delle mascherine e ad un maggiore rispetto dei divieti di assembramento. Oggi i ministri del gabinetto del coronavirus torneranno a discutere di un ulteriore alleviamento del lockdown, ed in particolare esamineranno le precauzioni necessarie per la riapertura delle scuole. (ANSAmed).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.