Covid: primo guarito a Schiavonia, negazionisti sono idioti

Graziano Ruzza visita medici e personale dell'ospedale

(ANSA) – MONSELICE (PADOVA), 21 NOV – "Io so quello che passato la scorsa primavera, ho solo da ringraziare Dio e i medici che hanno trovato il modo di tenermi in vita. Quelli che negano l’esistenza del virus sono dei pagliacci, degli egoisti che non amano l’esistenza propria e quella degli altri". E’ lo sfogo di Graziano Ruzza, idraulico 53enne di Agna (Padova), primo paziente Covid uscito a primavera dalla Terapia intensiva dal Covid Hospital "Madre Teresa di Calcutta" di Schiavonia. L’occasione è stata una visita di saluto ai medici e al personale del nosocomio, dove morì il primo paziente di Covid in Italia. Ad accoglierlo anche il dg dell’Azienda Ulss di Padova, Domenico Scibetta. "Non credo proprio – aggiunge Ruzza – che tutte le terapie intensive del mondo siano alleate a raccontare fandonie. Il virus non è un gioco, non è uno scherzo, purtroppo esiste. Ed è capace di far male, molto male. I negazionisti sono degli idioti". (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.