Covid: San Luigi, letti in chiesa come da piano emergenza

Ospedale torinese

(ANSA) – TORINO, 07 NOV – Sono vuoti, ma pronti per far fronte all’emergenza, i 74 posti letto allestiti dall’azienda ospedaliera San Luigi di Orbassano (Torino) nella chiesa e nella sala convegni. "L’essere preparati è una forza per affrontare l’emergenza", spiega la Direzione Aziendale, che ha attivato il Peimaf, ovvero il Piano Emergenza Massiccio Afflusso Feriti, su indicazione dell’Unità di crisi regionale e del Dirmei, il Dipartimento interaziendale Malattie ed emergenze infettive. L’utilizzo dei posti letto è riservato a pazienti che abbiano difficoltà a rientrare al domicilio o che sono in attesa di costruzione del percorso domiciliare o comunque a pazienti che non necessitano di particolari trattamenti farmacologici o assistenziale di alta intensità, per rendere rapidamente disponibili posti letto ai pazienti acuti ricoverati dal Dea con più alte necessità assistenziale. Saranno quindi utilizzati per evitare il sovraccarico del Pronto Soccorso o dei reparti. Al momento – precisa ancora la Direzione Aziendale del San Luigi – oltre il 60% dei posti letto ordinari sono dedicati a pazienti Covid positivi, come previsto dal piano pandemico. L’ospedale sta comunque mantenendo tutte le prestazioni per le patologie oncologiche, quelle in emergenza urgenza e quelle per cui si è centro di riferimento regionale. (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.