Covid, sul Lario 140 nuovi casi e 9 decessi

Ospedale Sant'Anna, il Vaccino anti Covid

L’aggiornamento sui vaccini somministrati da Asst Lariana

Leggero calo dei casi positivi registrati oggi nella provincia di Como. Il bollettino regionale ha certificato 140 nuovi infetti (erano 222 ieri). I decessi tra i comaschi sono stati 9, per un totale di 1640 morti di Covid dall’inizio della pandemia. Salgono a 38.724 i casi positivi totali sul Lario. Il rapporto fra il numero dei contagiati e la popolazione sul Lario è del 6,46%.
Da segnalare il numero minore di tamponi effettuati in regione Lombardia: sono stati 34.156 (di cui 24.679 molecolari e 9.477 antigenici) a fronte di 41.677 effettuati ieri.
I nuovi positivi registrati ieri in Lombardia sono 1900. Aumentano i guariti/dimessi: 2.148 (erano 1.714 ieri). Il tasso di positività è del 5,5%.
I decessi per coronavirus in Lombardia ieri sono stati 77 e i morti dall’inizio della pandemia superano purtroppo i 27mila (27.016). In terapia intensiva negli ospedali lombardi ci sono 379 pazienti (+8), mentre i ricoverati non in terapia intensiva scendono a 3.490 (-47). Per quanto riguarda i dati delle altre province, da rilevare quello della provincia di Brescia che si mantiene sempre alto (ieri 409 casi), insieme con il dato del Milanese (531).

La situazione negli ospedali
I ricoverati all’Ospedale Sant’Anna sono 175 di cui 10 in Rianimazione. L’ospedale di Cantù ha 20 pazienti ricoverati per Covid, così come quello di Mariano Comense. In via Napoleona a Como i curati sono 7. In attesa al pronto soccorso questa mattina c’erano 5 persone al Sant’Anna e 4 a Cantù.

I vaccini anti Covid
Continua sul Lario la somministrazione dei vaccini. Le dosi inoculate, secondo l’ultimo dato del 27 gennaio, sono 10636. In queste sono comprese le dosi consegnate alle Rsa del territorio (che sono 2268) e ai privati accreditati (1794). A queste 10636 vanno aggiunte 1049 seconde dosi (sempre secondo il dato del 27 gennaio e somministrate da Asst Lariana).
Il 28 gennaio si inizierà con la consegna delle seconde dosi nelle Rsa, mentre dal 1 febbraio ai privati accreditati. Le 6574 dosi previste vanno per l’86% al personale sanitario e per 14% al personale non sanitario.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.