Covid: ‘trenini’ all’Oktoberfest a Cagliari, polemica su web

Centrosinistra all'attacco

(ANSA) – CAGLIARI, 12 OTT – Una serata dedicata all’Oktoberfest (la festa della birra) in un noto locale sulla terrazza panoramica del Bastione di Saint Remy a Cagliari: poche mascherine, spesso calate sul collo, tanta gente ammassata e tra i clienti c’è anche chi ha improvvisato un "trenino" sulla musica del tradizionale "Ein Prosit". Il tutto ripreso con uno smartphone e postato sui social dove il video è diventato virale suscitando l’indignazione del popolo del web. Scene che hanno convinto l’opposizione di centrosinistra in Consiglio comunale a presentare un’interrogazione al sindaco Paolo Truzzu (Fdi) per chiedere conto sui controlli e il rispetto delle normative sull’uso delle mascherine e sul distanziamento in città. "La domanda meriterebbe una risposta immediata: se la meritano i cittadini e le cittadine di Cagliari e soprattutto i tantissimi operatori della ristorazione che per rispettare le norme in vigore hanno ridotto drasticamente il numero dei coperti o quelli culturali che lavorano con numeri ridottissimi di spettatori, patendo un grave danno economico – afferma la consigliera dei Progressisti Giulia Andreozzi – Tanto più che anche in questi giorni, in cui i contagi e i carichi ospedalieri continuano a salire, vediamo le immagini di alcuni locali pubblici, che per di più operano all’interno di immobili di proprietà comunale, in cui emerge chiaramente un totale e palese spregio per tutte le disposizioni in vigore". "Siamo passati dai manifesti in cui si accusava chi faceva una passeggiata di condurre i propri cari in ospedale, a una quasi totale assenza di controlli – denuncia la collega di partito Francesca Ghirra – il rischio è davvero quello di vanificare tutti gli sforzi e i sacrifici fatti fino a ora". (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.