Covid: Venice marathon simbolica, in tre corrono per tutti

Arrivo alla 'Salute' luogo emblema della sconfitta della peste

(ANSA) – VENEZIA, 01 NOV – Si è svolta in epoca Covid una Venicemarathon simbolica intitolata ‘one for all’ e risultata unica al mondo. Da Stra – punto di partenza tradizionale a Venezia l’ultramaratoneta azzurra Eleonora Corradini, il portacolori del Venicemarathon Running Team Gabriele Gallo e il campione paralimpico Pier Alberto Buccoliero, atleta del team di Alex Zanardi Obiettivo3. Tre alfieri scelti per rappresentare e simboleggiare tutti coloro che avrebbero voluto correre quest’anno la maratona di Venezia, ma che a causa della pandemia hanno dovuto rinunciarvi vista l’impossibilità di organizzare in tutta sicurezza un evento di massa in una situazione sanitaria d’emergenza. I maratoneti hanno quindi attraversato tutti i comuni coinvolti, Fiesso d’Artico, Dolo e Mira, lungo il percorso originale per raggiungere infine la basilica della Salute (sibolo veneziano della liberazione dalla peste) non essendo stato allestito il ponte di barche per attraversare il canal Grande. Al termine della gara, per un totale di poco inferiore ai 42,195 km tradizionali e una durata di quattro ore, si è svolta la consegna delle medaglie celebrative; una premiazione sobria alla presenza del vicesindaco di Venezia, Andrea Tomaello, del presidente di Venicemarathon Piero Rosa Salva e di Lorenzo Cortesi, general manager della manifestazione. (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.