Covid:Ungheria,5.000 casi in 24h, ‘sanità vicina a collasso’

Ordine medici

(ANSA) – BUDAPEST, 08 NOV – Con l’aumento dei tamponi e una media di oltre 5.000 nuovi contagi da Covid-19 al giorno, il servizio sanitario in Ungheria "si avvicina al collasso" e fra poco "si arriverà al dilemma il cui il medico deve decidere chi salvare e chi no": lo ha dichiarato il vicepresidente dell’ordine dei medici ungheresi (Mok), Tamas Sved. Ieri si sonio registrati cinquemila nuovi casi e 103 morti, un record, che fanno dell’Ungheria il terzo Paese per decessi in rapporto alla popolazione dopo il Belgio e la Repubblica ceca, ricorda. I letti disponibili negli ospedali – denuncia Sved – sono ormai pochissimi, e mancano medici ed infermieri qualificati, nei reparti di terapia intensiva, dove, per supplire alle carenze, stanno lavorando "anche dentisti e psichiatri". Secondo molti osservatori, le misure annunciate la settimana scorsa dal premier Viktor Orban sono largamente insufficienti, visto, fra l’atro, che non è stato chiuso nulla, che restano aperti scuole, ristoranti e locali, negozi, impianti sportivi. "Il paese deve funzionare, l’economia non va fermata", aveva detto Orban, che ha tuttavia promesso di impegnarsi a importare da gennaio, i futuri vaccini russo o cinese, malgrado il fatto che nessuno di questi prodotti abbia ancora ottenuto luce verde dalle autorità dell’Ue perché non hanno ancora completato la sperimentazione. (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.