Cronaca

Cremascoli furibonda: «Ora parleranno i legali»

alt L’imprenditrice

(a.cam.) Corso Europa è off-limits per Anna Cremascoli. A costo di allungare il tragitto, la presidente della Pallacanestro Cantù evita di passare davanti «a quel buco nero che grida allo scandalo».
«Sono talmente arrabbiata che non voglio più nemmeno vederlo, quel cantiere», ripete l’imprenditrice. E non è solo una questione di rabbia. «Per la società c’è anche un grave danno economico – dice Cremascoli – Per contratto, la Turra deve versare

alla Pallacanestro 200mila euro l’anno. La quota dovuta, però, è stata versata solo la prima volta, poi nei due anni successivi non abbiamo visto un euro. Con la società di Brescia non abbiamo più alcun contatto, non rispondono alle nostre richieste. Ci siamo affidati agli avvocati, non avevamo altra scelta. Dopo un’ingiunzione siamo passati a presentare un’istanza di fallimento».
Il problema del palazzetto pesa in maniera importante sui bilanci del basket.
«Quando ho iniziato questa avventura, nel 2008, mi avevano assicurato che non avremmo giocato più di due stagioni al Pianella – dice la presidente della Pallacanestro Cantù – Siamo nel 2013 e non c’è ancora alcuna prospettiva. Giochiamo ancora nel vecchio Pianella, una struttura obsoleta che ha costi di gestione spropositati, circa 400mila euro all’anno. Questa situazione naturalmente non permette neppure di attirare gli sponsor. Così è difficile andare avanti».
«Il momento è già critico e questa situazione peggiora notevolmente le cose – conclude Anna Cremascoli – L’unica alternativa per le partite sarebbe Desio, ma anche questo non risolverebbe il problema perché rimarrebbe da gestire il quotidiano. Si dovrebbe pensare a una ristrutturazione del Pianella, ma è comunque un lavoro enorme e costoso, servirebbe una cordata di imprenditori disposti a investire e non sarebbe facile avere una certezza sui tempi».

Nella foto:
Anna Cremascoli, presidente della Pallacanestro Cantù
27 Novembre 2013

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto