Crisi Campione d’Italia, il deputato pentastellato Currò in contatto con il Governo
Cronaca

Crisi Campione d’Italia, il deputato pentastellato Currò in contatto con il Governo

«Tutto quello che sta accadendo, a partire dalle diverse idee per rilanciare il casinò di Campione, sono costantemente monitorate dal sottoscritto». Giovanni Currò, deputato lariano del Movimento 5 Stelle, da tempo si occupa delle vicende legate da una parte al casinò e dall’altra al Comune di Campione d’Italia. La sua presenza sul territorio e le sue visite – in più occasioni – per dare sostegno ai dipendenti del municipio e per capire la crisi della casa da gioco, si sono succedute a partire da parecchi mesi prima l’improvviso epilogo che ha portato alla chiusura del casinò e al dissesto finanziario del Comune. «Ogni novità, per quanto possano essere più o meno attendibili, vengono segnalate ai sottosegretari del Governo che si stanno occupando della vicenda – spiega Currò – Io stesso invio le informazioni di stampa e gli approfondimenti a Roma. Questo perchè il mio intento è chiaro: vigilare su quanto accade e capire come poter intervenire laddove si dovesse presentare una situazione interessante per cercare di risolvere la profonda crisi che ha colpito l’enclave italiana». E sulle diverse proposte emerse in queste settimane, l’attenzione è alta. «A differenza di quanti hanno giudicato immediatamente come prive di fondamento queste soluzioni – aggiunge sempre Giovanni Currò – io invece sono aperto e interessato. Ovviamente non bastano solo gli annunci ma è necessario che alle parole seguano rapidamente, vista la situazione negativa, i fatti. Ovvero è necessario che vengano mostrati i dettagli delle varie operazioni. Solo avendo un quadro completo delle presunte iniziative e dell’esistenza reale dei finanziamenti, si potrà esprimere un giudizio e, eventualmente, impegnarsi per dare un aiuto».
Porte aperte dunque da parte del deputato Currò. «Anche perchè visti i numeri in rosso della casa da gioco mi sembra molto difficile poter contare, per risollevarsi, su una riapertura, già di per sè complicata, della sola casa da gioco anche in considerazione delle perdite che, giorno dopo giorno, si accumulano senza interruzione», conclude Giovanni Currò.

21 agosto 2018

Info Autore

Fabrizio

Fabrizio Barabesi fbarabesi@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
settembre: 2018
L M M G V S D
« Ago    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto