Criteri di ammissione ai playoff in serie C: l’algoritmo come discriminante. La stagione del Como è terminata

Monza-Como 11 foto Buzzi

Non ci sono più speranze di vedere il Como disputare i playoff, anche in caso di vittoria della Juventus Under 23 nella finale di Coppa Italia di serie C contro la Ternana.
I bianconeri hanno terminato in zona playoff nella regular season e, conquistando il trofeo, libererebbero un posto negli spareggi per una formazione alle loro spalle. Ma quella squadra non sarà il Como.
La brutta notizia per il club lariano e per i suoi tifosi è arrivata oggi dal consiglio federale. La Figc ha sancito la fine della regular season in C con la promozione in B di Monza, Lanerossi Vicenza e Reggina e la retrocessione in D delle ultime (Gozzano, che farà ricorso, Rimini e Rieti). I playout determineranno le altre squadre destinate a scendere, mentre il quarto posto per la B sarà deciso dai playoff.
Come detto a questi spareggi il Como non parteciperà in ogni caso; se la Juventus dovesse vincere in Coppa Italia, toccherà alla Pro Patria. Il criterio discriminante scelto, infatti, è stato quello dell’algoritmo, che non favorisce gli azzurri. Il calcolo deriva dalla somma dei punti finora ottenuti più quelli teoricamente conquistabili.
«Ad ogni società – spiega il comunicato della Figc – viene attribuito un punteggio finale determinato dalla somma dei seguenti tre addendi: punti totali accumulati in classifica fino al momento della sospensione definitiva; punti risultanti dalla moltiplicazione della media punti realizzati nelle gare disputate in casa per il numero di partite rimanenti da giocare in casa; punti risultanti dalla moltiplicazione della media punti realizzati nelle gare disputate in trasferta per il numero di partite rimanenti da giocare in trasferta».
Ed è questo il problema per i lariani, che rispetto a Pistoiese e Pro Patria hanno la peggiore media fuori casa (12 match e 12 punti conquistati, un cammino da playout). Non solo. Il Como era, fra le tre, la formazione attesa dal numero più alto di trasferte, cosa che certo non ha aiutato i lariani in questo calcolo. Sommando ogni fattore, l’undicesimo posto va alla Pro Patria (18 punti in 14 incontri esterni) davanti a Pistoiese e azzurri, classificati in tredicesima posizione.
La squadra di mister Marco Banchini era stata eventualmente preallertata per un cambio dei programmi di allenamento individuali, che invece proseguiranno fino a che non sarà sancito il “rompete le righe” definitivo dal club lariano.
Il consiglio federale ha inoltre ufficializzato la promozione in serie C delle prime di ogni girone di serie D. Esultano Pro Sesto, Mantova, Palermo, Turris, Campodarsego (allenato dall’ex azzurro Antonio Andreucci), Lucchese, Grosseto, Bitonto, Matelica.
Le serie C ripartirà il 27 giugno con la finale in gara unica di Coppa Italia tra Ternana e Juventus Under 23. Sempre il 27 giugno si disputeranno le gare di andata dei play out, mentre le partite di ritorno sono in programma il 30 giugno. Per quello che riguarda i playoff, invece, avranno inizio il 1° luglio e si concluderanno il 22 luglio con la finalissima. Ci sono club che hanno comunque annunciato la loro defezione, come l’Arezzo, che quindi perderanno a tavolino le rispettive partite.
«Mi auguro si possa concludere il campionato in maniera serena, per quanto possibile – ha spiegato ieri il presidente della Lega Pro Francesco Ghirelli – ci sono ferite che saranno difficili da rimarginare».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.