Croce Rossa in difficoltà, chiesto incontro in Prefettura

Emergenza coronavirus Como, ambulanze in città, croce rossa

Stipendi non pagati, situazione economica preoccupante, raffica di dimissioni volontarie. La situazione del Comitato di Como della Croce Rossa, alle prese ormai da un anno con una situazione difficile che aveva portato nel febbraio scorso alle dimissioni del presidente Matteo Fois, è sempre più critica secondo le organizzazioni sindacali, che chiedono un incontro urgente al prefetto Andrea Polichetti e al commissario Adriano De Nardis.
In una nota congiunta, i vertici delle segreterie territoriali di Cgil, Cisl e Uil spiegano di essere «fortemente preoccupati dalle notizie riferiteci dai lavoratori riguardo alla difficilissima situazione economica in cui versa il comitato della Cri di Como».
«Ad esempio – scrivono i rappresentanti sindacali – ancora devono essere pagati gli stipendi di dicembre 2020 e ci sono numerose dimissioni volontarie, quasi all’ordine del giorno».
«Chiediamo un incontro urgente sia con il commissario della Croce Rossa sia con il prefetto di Como, nella veste di garante inerente ai prossimi impegni tra le parti – precisano i rappresentanti di Cgil, Cisl e Uil – Lo scopo dell’incontro è quello di attivare un tavolo di crisi e ricevere rassicurazioni inerenti alla tenuta occupazionale del personale e alla grave gestione economica. Inoltre, ci viene riferito che ad oggi a molti lavoratori viene richiesta la diminuzione dell’orario di lavoro, e di contro sono costretti a svolgere il cosiddetto “straordinario forfettario” non riconosciuto all’interno del contratto».
Il problema economico del Comitato di Como del sodalizio era emerso un anno fa, quando i sindacati avevano lanciato l’allarme per il rischio di esuberi e di un taglio dei servizi.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.