Crolla un muro dell’ex Albergo “La Salute”: chiusa per ore la strada che porta all’Alpe del Vicerè

Crollo Muro Albavilla

È stato per tanti anni uno dei simboli del turismo nel Triangolo Lariano, l’Albergo “La Salute”, chiuso ormai da decenni e ridotto a un rudere, nonostante alcuni progetti anche recenti di rilancio, l’ultimo, poi naufragato, con la realizzazione di un nuovo “parco avventura”.
Ieri mattina, dopo il novembre delle piogge, un muro del vecchio albergo che si affaccia sulla strada in via Partigiana è in gran parte caduto. Le macerie hanno invaso la strada.
Fortunatamente nessuno era in transito al momento del crollo e non ci sono dunque persone ferite né vetture danneggiate.
Dopo il crollo, sono intervenute le squadre dei vigili del fuoco e i volontari della protezione civile per rimettere in sicurezza l’area. La strada che porta all’Alpe del Vicerè è stata temporaneamente chiusa per motivi di sicurezza.
L’ordinanza è stata firmata dal vicesindaco di Albavilla, Roberto Ballabio, giunto sul luogo del crollo insieme con i tecnici del Comune e la polizia locale.
Il capo squadra dei vigili del fuoco di Erba dopo un esame della situazione ha evidenziato «un rischio concreto di crollo di una parete dell’immobile rimasta in piedi, con un concreto rischio per la circolazione» si legge nell’ordinanza comunale.
Uno dei proprietari dello stabile, erede della famiglia Parravicini, si è reso immediatamente disponibile a ripristinare le condizioni di sicurezza. Nel pomeriggio un mezzo ha provveduto ad abbattere il manufatto pericolante. Attorno alle 17, così, sono state ripristinate le condizioni necessarie per la riapertura della strada. Via Partigiana, in precedenza chiusa ai veicoli, ai pedoni e ai tanti ciclisti, che avevano approfittato della giornata serena per una gita, è stata così nuovamente aperta. Pedoni e ciclisti anche durante la chiusura avevano in realtà potuto bypassare lo sbarramento percorrendo i diversi sentieri presenti.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.