Crollano gli investimenti dei Comuni lariani

Analisi de Il Sole 24 Ore
Crollo verticale degli investimenti al Nord. La provincia di Como è seconda in tutto il territorio lombardo – dietro solo a Mantova – in questa graduatoria contraddistinta esclusivamente dal segno meno. I nostri Comuni, in media, hanno speso in opere 206 euro pro-capite nel biennio 2007-2009. Ben il 18,8% in meno rispetto al periodo 2005-2007 quando la somma impegnata era invece pari a 254 euro, sempre pro-capite. I dati emergono dal rapporto Ifel (Istituto per la finanza e l’economia

locale) dell’Associazione nazionale dei Comuni italiani (Anci).
I numeri dell’indagine, pubblicati su Il Sole 24 Ore, fotografano una situazione negativa che accomuna gran parte dell’Italia settentrionale, dove si è sentita con maggior forza la stretta alla spesa locale.
Una realtà che tenderà ulteriormente a peggiorare, complice anche la recente manovra economica. Nel 2010, infatti, a livello nazionale, gli investimenti locali hanno subìto un calo generale del 23%, mentre per l’anno in corso sono in preventivo numeri ancor più nefasti. Una situazione che sta allarmando non solo gli enti locali, ma anche i costruttori che si lamentano per un ulteriore fattore decisivo: le lungaggini estenuanti nei pagamenti delle opere. Tornando alla classifica, va detto come meglio di Como si sia posizionata la provincia di Sondrio, pur con un -13,8% tra i due bienni messi a confronto. Una riduzione ancora minore è quella registrata da Brescia (-12,1% con un passaggio da 248 a 218 euro). Più “virtuosa” tra le province lombarde è, infine, quella di Varese dove il calo è stato pari a un -11,3% con una riduzione degli euro pro capite che è passata da 180 (biennio 2005-2007) a 159 (2007-2009). Prima in classifica la provincia di Trieste, che ha visto una oscillazione tra 419 euro (2005-2007) e 264 euro, sempre pro-capite nei due anni successivi (addirittura con un -37,1%). I territori dove si è sentito meno questo calo sono quelli del Sud Italia, dove la spesa locale è generalmente molto compressa.

Fabrizio Barabesi

Nella foto:
Con i ridotti investimenti dei Comuni, diminuiscono anche i grandi cantieri

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.