“Cura e solidarietà”, l’appello del vescovo nel pontificale dell’Epifania

vescovo Oscar Cantoni.

“L’amore del Signore non è riservato a un gruppo di privilegiati, ma si estende a tutti i popoli della terra, riscalda il cuore di chi riconosce con stupore di essere amato personalmente da Dio, instaurando così rapporti di vita nuova con i fratelli. Cristo, il Verbo fatto carne, non è stato inviato dal Padre esclusivamente per il suo popolo, ma a partire da lui, vuole raggiungere ogni nazione e civiltà”. Così oggi il vescovo di Como monsignor Oscar Cantoni ha commentato nella sua omelia il senso della Epifania durante il solenne pontificale in Cattedrale. Un forte richiamo quello del presule alla cura e alla solidarietà in un momento difficile della nostra storia: “I Magi non hanno più avuto bisogno di ulteriori conferme. Sono ritornati ai loro Paesi “per un’altra strada” convinti che solo in Gesù è la sola risposta soddisfacente per una vita bella, intensa e felice. Quella che il Signore desidera per noi, cercatori di senso, se saremo capaci di “reinventare” una nuova fraternità, fondata sulla accoglienza reciproca, nella accettazione della nostra differenza, se sapremo suscitare la compassione verso ogni uomo e donna attraverso atteggiamenti e gesti di vicinanza, di cura e di solidarietà, cui c’è tanto bisogno oggi nel nostro mondo”. Il rito trasmesso in diretta sulla pagina YouTube del “Settimanale della Diocesi di Como” è stato anche l’occasione per annunciare gli appuntamenti liturgici dell’anno.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.