Cronaca

Da ieri in servizio il nuovo comandante della polizia locale

Donatello Ghezzo arriva dal Friuli. «Siamo un ingranaggio fondamentale per Como»
(m.d.) È giovane, compirà quarant’anni il prossimo gennaio, e si è detto «entusiasta» per questo incarico il nuovo comandante della polizia locale di Como, in servizio da ieri.
Donatello Ghezzo arriva dal Friuli Venezia Giulia e ha iniziato a lavorare come vigile urbano a Borgoricco, in provincia di Padova – «allora si chiamavano ancora così», ha raccontato – dopo essersi diplomato all’istituto tecnico nautico “Venier” di Venezia. In seguito ha ripreso gli studi, si è laureato in Giurisprudenza all’Università di Ferrara, diventando comandante della polizia locale di Valdagno (Vicenza). Si è preso poi una pausa per frequentare un dottorato di ricerca in Diritto penale all’ateneo ferrarese, ottenendo nel contempo anche l’abilitazione all’esercizio della professione di avvocato.
Tornato alla sua passione iniziale, la divisa, dal luglio del 2012 ha guidato la polizia locale dell’Unione dei Comuni della Bassa Friulana, per poi vincere il concorso bandito dal Comune di Como e diventare comandante del corpo del capoluogo lariano.
«La polizia locale è un ingranaggio fondamentale nella vita di una comunità – ha spiegato ieri mattina a Palazzo Cernezzi – Noi vigili siamo l’interfaccia dell’amministrazione con i cittadini, siamo i loro primi interlocutori. La polizia locale è un organismo duttile, che può essere orientato in diverse direzioni, a seconda delle esigenze, seguendo ovviamente le indicazioni di chi governa la città. Con il nostro lavoro possiamo incidere sulla qualità della vita dei cittadini: il nostro ruolo non è solo quello di fare multe».
Appassionato di bici e di montagna, Ghezzo è già salito in cima al Bisbino per guardare dall’alto il Lario. «È la mia prima esperienza in una città così grande», ha aggiunto ieri il nuovo responsabile dei vigili del capoluogo. A Valdagno, il centro più grosso dove ha lavorato in precedenza, aveva alle sue dipendenze 23 agenti.
Il nuovo comandante non si è voluto sbilanciare sulla situazione che ha trovato arrivando a Como e sui primi provvedimenti che prenderà. «Devo prima conoscere la città – ha detto Ghezzo – I compiti della polizia locale devono essere adattati alla realtà in cui si opera. Vi sono funzioni che possono essere utili in certi contesti e che magari non servono a nulla altrove».
Alla presentazione del nuovo comandante, ieri a Palazzo Cernezzi, erano presenti anche il sindaco Mario Lucini e gli assessori Gisella Introzzi e Marcello Iantorno.
«La polizia locale è un presidio importante per la città – ha sottolineato la responsabile del Personale, Gisella Introzzi – È fondamentale assicurare un buon livello di servizio».
L’assessore alla Sicurezza, Marcello Iantorno, ha ricordato che con la nomina di Ghezzo «si chiude la fase di transizione», iniziata nel maggio del 2013 con l’addio al corpo cittadino del comandante Vincenzo Graziani, cui seguirono diverse polemiche che portarono alle dimissioni di Vincenzo Aiello, allora numero due del corpo e oggi alla guida della polizia locale di Cantù.
Anche il sindaco ha voluto sottolineare che con l’entrata in servizio di Ghezzo «si conclude un percorso un po’ lungo, intrapreso per dare stabilità al corpo e aprirlo a nuove prospettive. Ora – ha aggiunto Lucini – studieremo assieme le modalità migliori per un’azione sempre più efficace della polizia locale».

Nella foto:
La stretta di mano tra il sindaco Mario Lucini (a sinistra) e il nuovo comandante della polizia locale, Donatello Ghezzo (Mv)
2 ottobre 2014

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto