Da lunedì Alogna lancia la maratona dei violinisti

Il violinista comasco Davide Alogna

“In questi giorni di reclusione forzata è nato un progetto incredibile del quale vado orgoglioso: un progetto che rappresenterà un forte stimolo e un enorme regalo ai giovani studenti di violino, italiani e di tutto il mondo, oggi spaventati dalla lunga chiusura dei Conservatori e dell’Accademie di musica, dove migliaia di colleghi continuano con impegno e responsabilità a dispensare lezioni online”. Parola di Davide Alogna, musicista comasco e virtuoso del violino noto a livello internazionale. Sarà un  progetto di registrazione prima video e poi audio incentrato sui 24 capricci di Rode per violino  opera 22, uno per violinista, al quale hanno aderito i migliori violinisti italiani di diverse generazioni (ma in piena carriera) con nomi come Francesco Manara, Anna Tifu, Federico Guglielmo, Marco Fiorini, Salvatore Quaranta e molti altri. “É la prima volta nella storia del violino che vede la luce un progetto così ambizioso e condiviso dall’unione di un così ampio gruppo di “top player” del violino (solisti, prime parti delle più importanti orchestre italiane ed estere , eccellenti cameristi e didatti)  – dice Alogna – Un progetto promosso in collaborazione con il Cidim, e con la rivista “Suonare news” ed il suo direttore Filippo Michelangeli  che ci appoggerà dando a tutti la giusta visibilità sulla loro pagina facebook producendo un cd straordinario suonato da ben 24 violinisti di prim’ordine”.

 
Allievo prediletto di Giovanni Battista Viotti che gli faceva lezioni gratis, a 20 anni era già in tournée in tutta Europa, professore di violino al Conservatorio di Parigi, virtuoso della cappella privata di Napoleone, violinista dello Zar a Mosca, si tolse persino lo sfizio di suonare in duo con l’arciduca Rodolfo, principe ereditario della corona d’Austria. Persino Beethoven gli dedicò la sua decima sonata per pianoforte e violino (quella dopo la celebre sonata dedicata a Kreutzer). È la biografia del violinista e compositore francese Pierre Rode (1774-1830). La maratona partirà lunedì 27 aprile. “Sarà un tripudio di talento e di amicizia – dice Alogna – Perché per noi musicisti, l’unico vaccino per il Covid-19 è prendere i nostri strumenti e fare musica. Uno per tutti, tutti per uno”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.