Dagli abissi al cielo, sub disabili alla scoperta del Lario. Appuntamento al 31 ottobre

Conferenza stampa

Tra la baia del Pizzo, nelle acque antistanti Cernobbio, una boa rossa indica il punto, noto agli appassionati, dove immergendosi si può ammirare la Madonna del Lago.
La statua, alta due metri e collocata a 6 metri di profondità, è un’attrazione per chi ama “aggirarsi” nei fondali del Lario. E proprio quello sarà l’obiettivo che verrà raggiunto da un gruppo di sommozzatori con disabilità, nel corso dell’evento “Dagli abissi al Cielo”. Si tratta di una manifestazione, presentata ieri mattina nella sede dell’Aero Club di Como e in calendario il 31 ottobre, che vede schierati insieme un nutrito gruppo di soggetti volenterosi. Tutti uniti dallo spirito e dalla voglia di promuovere iniziative sul Lago di Como, che «possano abbattere barriere culturali e sportive», come hanno ribadito gli organizzatori.
E così questi sub, addestrati da Invincible Diving – l’altro soggetto promotore insieme all’Aero Club – provenienti dall’Associazione Unità spinale dell’ospedale Niguarda (Aus Niguarda Onlus), vivranno una giornata indimenticabile andando a visitare i fondali del lago per ammirare la Madonna e poi, grazie alla collaborazione dell’Aero Club Como, potranno osservare il punto delle loro immersioni e le bellezze del lago a bordo degli idrovolanti.
Come detto è lungo l’elenco dei soggetti che si sono schierati, compatti, per concretizzare questo evento che vuole essere il primo di una serie. Si tratta nel dettaglio di: Comune di Cernobbio – Autorità di Bacino del Lago di Como – Hsa Italia (Handicapped Scuba Association) – Roan Comando Aero Navale della Guardia di Finanza di Como – Como Servizi Urbani – Associazione Unità Spinale Ospedale Niguarda Milano – AUSportiva Niguarda – Cooperativa Spazio Vita Niguarda. «Si tratta di un’operazione nelle corde dell’Aero Club Como e della Scuola di Volo – afferma il presidente dell’Aero Club Enrico Guggiari – Siamo da sempre impegnati sul territorio, in attività organizzate in sinergia con altre associazioni, per valorizzare il Lago e le sue mete e renderle accessibili a ogni tipo di fruizione».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.