Dai dati di oggi la conferma: il Covid nel Comasco torna a crescere

Pronto soccorso Valduce

Torna a crescere la pandemia in provincia di Como. Dopo un mese di calo, i dati degli ultimi giorni segnano (purtroppo) una inversione di tendenza che ormai pare essere confermata e non più limitata alla singola giornata. Questo, però, all’interno di un quadro complessivo ancora positivo almeno sul fronte della pressione sugli ospedali della Asst Lariana che anche oggi hanno fatto registrare una sensibile diminuzione dei ricoverati. Scende il numero complessivo dei degenti (da 239 a 228) e scendono i presenti al pronto soccorso in attesa di ricovero (da 8 a 5). Stabili le terapie intensive.
Eppure, come detto, il Covid – che mai aveva allentato veramente la presa – è tornato a crescere in questa settimana. Oggi i nuovi positivi sono stati 222, mentre il giorno prima erano stati 250. In totale, calcolando il numero dei positivi sui 100 mila abitanti, il dato da inizio settimana è sempre andato in crescendo, passando da 153 a 169 e, oggi, a 172. Numeri ancora ben lontani da quanto era stato fatto registrare a marzo, ma che testimoniano un deciso cambio di tendenza rispetto a quanto era stato registrato nell’ultimo mese. Insomma, siamo ancora ben lontani da una situazione quantomeno di tranquillità. C’è un altro elemento che segnala purtroppo un peggioramento della situazione ed è quello delle chiamate al 118 per problematiche respiratore. Da tanti giorni la soglia, nel territorio di Como, Varese e Lecco, era abbondantemente sotto le 100 telefonate (71 il 26 aprile, 77 il 27 aprile) mentre nell’ultimo dato disponibile, riferito al 28 aprile, il numero è tornato sopra il 100, 101 per la precisione. Continua infine la crescita dei morti di questa maledetta pandemia. Oggi sono state altre sette le vittime del coronavirus, per un totale che ha toccato i 2.197 decessi.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.