Cronaca

Dalle banche ai capannoni, la scommessa elvetica

La riflessione di Giorgio Civati
È certamente terra di banche e di finanza, ma non solo. Non più. Guardare alla Svizzera unicamente come base di holding, finanziarie e sedi sociali più o meno trasparenti è ormai riduttivo.
I “cugini” elvetici hanno infatti giocato – e in buona parte vinto – una scommessa che pareva impossibile: rendere attrattivo il loro territorio anche per le fabbriche, per i magazzini e per la produzione. Renderlo interessante

, nonostante i costi più elevati che altrove, da quello dei terreni al costo del lavoro. La patria delle banche è così diventata, oggi, un’area in cui i capannoni si susseguono dal confine fino alle zone più impervie dell’interno, tanto che spazi per nuove realtà industriali ne sono rimasti pochi. E molte delle aziende oggi presenti in Svizzera sono anche italiane. Comasche, lecchesi, di Sondrio o Varese soprattutto.
Una sconfitta bella e buona per l’Italia? Non certo per le imprese, ma per il Paese invece sì. Da questa parte del confine, infatti, la burocrazia è un macigno che rallenta e schiaccia ogni buona intenzione, anche in campo imprenditoriale. Oltre Chiasso, invece, il fisco è una controparte, non un mostro contro cui combattere; “di là” le correzioni alle dichiarazioni dei redditi dei privati cittadini si fanno anche al telefono, le aziende si aprono in qualche giorno, al massimo alcune settimane. E così sono emigrati colossi della moda come Gucci e Hugo Boss, che proprio in Ticino hanno centri logistici e produttivi, aziende metalmeccaniche e così via. Lo faranno altri. E non per caso.
Il successo elvetico in questo campo infatti non è casuale. Prendiamo il Ticino, che dall’inizio degli anni Novanta ha approvato, a livello cantonale, uno specifico progetto di incentivi e agevolazioni a chi aprisse aziende. Sconti fiscali, detassazione degli utili, aiuti e benefit vari. Fatti concreti, promesse mantenute, certezze anche fiscali negli anni. Tutto il contrario che in Italia.

30 Gennaio 2013

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto