Danni nei laboratori, scatta l’obbligo della cauzione

Scuola – L’istituto “Ripamonti” chiede 10 euro di deposito a ogni studente a tutela delle attrezzature
A mali estremi, estremi rimedi. Per arginare i danni causati dagli studenti che rompono le attrezzature di laboratorio, ecco la cauzione. Nel contributo volontario chiesto alle famiglie, l’istituto “Ripamonti” include infatti 10 euro di deposito per coprire eventuali guasti arrecati ai macchinari. Così, nel caso in cui la scuola non riuscisse a identificare il responsabile nei confronti del quale esigere il rimborso, i danneggiamenti verrebbero coperti dalle cauzioni depositate da tutti gli studenti della classe.
Leggi l’articolo di Bambace in CRONACA

Nella foto:
La sede dell’istituto “Ripamonti” di via Belvedere. Qui c’è l’obbligo di cauzione a tutela dei laboratori

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.