“Daspo” per cinque anni al “re” del cinema comasco

La storia – Chiede una deroga per realizzare il multisala nel futuro palasport di Cantù
Paolo Petazzi, amministratore unico di Cinelandia, dichiara di non voler avvalersi della facoltà di recedere dal progetto del nuovo palasport di Cantù almeno fino al termine di quest’anno, nonostante i ritardi sulla tabella di marcia. Annuncia invece l’intenzione di costruire un multisala con uno dei più grandi maxischermi d’Europa. Lo stesso Petazzi è stato però colpito da Daspo (Divieto di avvicinamento alle manifestazioni sportive) per 5 anni e ciò gli impedirebbe di lavorare in assenza di un’autorizzazione a frequentare il “suo” multisala all’interno del palazzetto.
Leggi l’articolo di Bambace in CRONACA

Nella foto:
Un’elaborazione a computer del futuro palasport di Cantù con annesso cinema multisala

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.