Degrado al ristorante di Villa Olmo. «No comment» dell’ex gestore

altLa polemica

(p.an.) «No comment» Riccardo Ballerini, ex gestore del ristorante di Villa Olmo non replica alle accuse dell’assessore al Patrimonio, Marcello Iantorno, che giovedì aveva fatto entrare cronista e fotografo del “Corriere di Como” nei locali di via Cantoni. «Le condizioni in cui hanno lasciato la struttura sono indecenti», aveva affermato l’assessore Iantorno.
«Non mi occupavo direttamente del ristorante», si limita a dire Ballerini. Il braccio di ferro tra amministrazione comunale

e gestori del locale dura da tempo.
A inizio ottobre, proprio Ballerini aveva dichiarato a queste colonne che avrebbe fatto «causa al municipio chiedendo una richiesta danni per quanto subìto a causa dell’amministrazione. Ci hanno costretto a chiudere – aveva commentato il gestore – e intendiamo andare fino in fondo per vedere riconosciuti i nostri diritti».
La vicenda quindi potrebbe avere degli strascichi legali.
Rimane la discarica a cielo aperto nei locali di Villa Olmo. Un’immensa cella frigo distrutta e maleodorante, circondata da tavoli e sedie marcite, nascosta tra i rami. Bottiglie vuote, cocci di vetro, pentole arrugginite e bancali imputriditi. Uno spettacolo deprimente e una puzza nauseabonda per stomaci forti. Tutto questo nel cuore di Como. Non in una periferia nascosta, ma nel parco di Villa Olmo.

Nella foto:
Rifiuti abbandonati nell’area esterna del ristorante di Villa Olmo (foto Mv)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.