Degrado, via Grandi e via Ortigara dimenticate dall’amministrazione

Como - Barriere di cemento danneggiate e pericolose all’incrocio di viale Roosevelt con via Grandi

Queste due aree di Como paiono abbandonate da anni, dimenticate. Non viene fatta manutenzione, mai. Non vengono portati via i rifiuti, nonostante la piattaforma ecologica del Comune sia a una cinquantina di metri.


Il primo focus è su via Grandi, siamo nella convalle, il centro città. La strada è molto trafficata. Così per proteggere i pedoni, su entrambi i lati della carreggiata, dall’altezza di via Regina a viale Roosevelt, vennero posizionati dei pannelli di cemento armato, alti circa un metro. Vennero, il passato remoto non è casuale. Negli anni alcuni pannelli sono stati letteralmente spazzati via in seguito a incidenti o manovre errate di auto e mezzi pesanti. Altri si sono ammalorati. Qualcuno è ora attaccato pericolosamente al basamento solo dai tondini di ferro, ormai scoperti e arrugginiti. Ce ne sono pure di inclinati verso la strada. Trappole letali per motociclisti e ciclisti.
Un pericolo pure per i pedoni che transitano, perché si tratta comunque di barriere di decine di chili di cemento armato.
Per l’area non c’è traccia di interventi di manutenzione, anche nei programmi futuri. Si spera probabilmente che tutto si aggiusti con il miracolo della riqualificazione dell’area ex Ticosa?


Dal centro alla periferia, località La Guzza, Camerlata. Via Ortigara, la zona della piattaforma ecologica. Certo, qui non si tratta solo di incuria, ma anche di maleducazione, inciviltà. Per accedere alla discarica serve una tessera, l’Ecopass, riservato ai residenti in regola con il pagamento della Tari. Ci sono degli orari di accesso. Normali regole, le fasce orarie sono ampie. Il personale sempre presente, difficile fare coda alla piattaforma ecologica. Qualcuno però continua a gettare sacchi e ogni genere di materiale nel piccolo parcheggio sterrato adiacente via Ortigara. Un malcostume che è stato più volte denunciato. Nel marzo dello scorso anno la polizia locale, utilizzando anche un sistema di telecamere arrivò a rintracciare uno di questi maleducati e a multarlo per diverse centinaia di euro. Non sappiamo se le telecamere poi siano state spente, ma ieri in via Ortigara c’era pure un frigorifero, rifiuto Raee.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.