Delitto di Carugo: la Rho e Brivio tornano ad incrociarsi

I carabinieri sulla scena dell'omicidio di Carugo

Daniela Rho e Alberto Brivio torneranno ad incrociarsi. I due – considerati dall’accusa come i mandanti nell’omicidio di Alfio Molteni – si troveranno (se decideranno di comparire) nella stessa aula, con gli stessi giudici e nelle stesse date per discutere il processo d’Appello. Cosa anomala, visto che i riti seguiti in primo grado furono diversi, l’Abbreviato per la Rho e la Corte d’Assise per Brivio. La donna, moglie della vittima, rimediò 20 anni, il suo presunto amante l’ergastolo. I ricorsi verranno discussi in modo autonomo. L’appuntamento è per l’8 e il 10 gennaio, con una terza data fissata per il 7 febbraio. Al termine arriverà il doppio pronunciamento per l’uno e per l’altra. Rho e Brivio, come detto, sono considerati dalla Procura di Como i mandanti dell’omicidio di Alfio Molteni, architetto ucciso a Carugo con un colpo di pistola la sera del 14 ottobre 2015. Doveva essere un avvertimento, invece l’agguato si trasformò in un delitto.
A Milano saranno presenti anche le parti civili, ovvero i legali dell’ex moglie e del primo figlio di Molteni (avvocato Daniela Figini), delle figlie minorenni nate dal secondo matrimonio dell’architetto (rappresentate dal curatore speciale Giovanni Ceola), e del fratello e del padre della vittima difesi da Ivana Anomali. Il movente dell’omicidio sarebbe da ricercare nella volontà della Rho – assecondata da Brivio – di allontanare le figlie al padre nell’ambito della separazione che era in corso. Gli atti intimidatori servivano per screditare le figura di Molteni di fronte ai giudici.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.