Omicidio della stazione, arrestato l’ex convivente di Lidia Nusdorfi

{youtube}0IVPTXKyYuI{/youtube}

Svolta nelle indagini sull’omicidio di Mozzate. L’ex convivente della 35enne uccisa sabato sera nel sottopassaggio della stazione è stato arrestato nella tarda serata di ieri per l’omicidio. L’uomo avrebbe ammesso di aver accoltellato la donna, madre dei suoi due figli, per gelosia. Fermato anche il datore di lavoro del presunto assassino, che gli aveva fornito un falso alibi.

Lidia Nusdorfi è stata uccisa a coltellate attorno alle 19.30 di sabato sera. I carabinieri della compagnia di Cantù, che hanno svolto le indagini, hanno accertato che la donna aveva un appuntamento in stazione, probabilmente con quello che si sarebbe poi trasformato nel suo assassino. Domenica è stato interrogato l’ex convivente e padre dei suoi due figli, Dritan Demiraj, albanese di 29 anni. L’uomo aveva fornito però un alibi di ferro perché aveva dichiarato di essere stato al lavoro tutta la notte, versione confermata dal datore di lavoro, ora fermato con l’accusa di favoreggiamento.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.