Delitto nei boschi di Locate Varesino, arrestati tre nordafricani

I controlli dei carabinieri nei boschi del Comasco sono sempre più serrati soprattutto per contrastare il traffico di droga I controlli dei carabinieri nei boschi del Comasco sono sempre più serrati soprattutto per contrastare il traffico di droga

Svolta nelle indagini sull’omicidio del 24enne marocchino ucciso con un colpo di arma da fuoco il 17 marzo scorso nei boschi di Locate Varesino.

I carabinieri, su ordine della Procura della Repubblica di Como, hanno arrestato tre connazionali della vittima, tutti 20enni senza fissa dimora. Sono sospettati di essere i responsabili del delitto.

Il movente sarebbe legato all’attività di spaccio di droga.

Il corpo della vittima, Nouredine El Azyz, 24enne originario del Marocco, era stato notato da un passante.

Dopo i primi accertamenti, i carabinieri avevano escluso il movente della rapina, visto che l’uomo aveva addosso 900 euro in contanti e anche 70 grammi di droga divisa tra marijuana, cocaina e eroina.

I tre arresti sono stati effettuati tra Varese e Milano.

Il 24enne sarebbe stato ucciso forse al culmine di una lite per la droga.

Nelle prossime ore è in programma l’interrogatorio di convalida dei fermati, rinchiusi in carcere al Bassone.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.