Cronaca

Denunciato “l’ispettore Mario”: è un 57enne di Lomazzo

Il caso era esploso dopo una telefonata alla trasmissione di Radio 24 “La Zanzara” in cui proponeva la soluzione di entrare in Parlamento «a sparare a tutti»
Lavora alla polizia provinciale di Milano: dovrà rispondere di «violenza e minaccia ad un Corpo politico»
Rischia grosso l’ispettore che nella serata del 10 gennaio ha telefonato in diretta alla trasmissione di Radio 24 “La Zanzara”, preannunciando un particolare modo per risolvere il problema della classe politica in Italia: «Se le cose non cambiano entro in Parlamento con l’arma di ordinanza e inizio a sparare. Chiudo e non faccio più uscire nessuno. Se faccio una cosa la faccio bene».

La sua telefonata infatti non è passata sotto silenzio e la Questura di Como, in queste ore, è riuscita a risalire all’identità dell’uomo che è stato denunciato a piede libero con l’accusa di “violenza o minaccia ad un Corpo politico, amministrativo o giudiziario”.
Reato che prevede una pena da uno a sette anni e che colpisce «chiunque usa violenza o minaccia ad un Corpo politico, amministrativo o giudiziario o ad una rappresentanza di esso, o ad una qualsiasi pubblica Autorità costituita in collegio, per impedirne in tutto o in parte, anche temporaneamente, l’attività». Per risalire all’identità dell’uomo, la Mobile della Questura ha utilizzato il numero di cellulare utilizzato per telefonare a “La Zanzara”. I successivi riscontri hanno poi portato la polizia a casa dell’ispettore della polizia provinciale di Milano (dunque non di Como come aveva detto in diretta) e che vive nella nostra provincia, a Lomazzo. L’uomo, che ha 57 anni, è in servizio nel settore della polizia venatoria ed è stato denunciato e segnalato in procura a Como, dove il pubblico ministero Alessandra Bellù ha aperto un fascicolo di indagine. In casa l’uomo aveva una sola arma, la pistola di servizio, che è stata sequestrata. Il fucile di cui parlava nella telefonata e che aveva in dotazione non era invece nell’appartamento. Anche la katana – la spada giapponese di cui l’ispettore aveva parlato – non è stata trovata.
La trasmissione “La Zanzara” su Radio24, condotta dai giornalisti Giuseppe Cruciani e David Parenzo, giovedì sera scorso parlava della sfiducia dei cittadini nei confronti della politica. In chiusura di puntata, giunse una telefonata da un ascoltatore, tale Mario che si definì «ispettore di polizia in servizio a Como da 40 anni». Le sue dichiarazioni hanno poi portato alle indagini di queste ore e alla segnalazione in procura. «Visto che questi mi hanno stufato – disse riferito ai politici – se le cose non cambiano entro in parlamento con l’arma di ordinanza, un fucile, una spada giapponese e una volta entrato inizio a sparare. Chiudo e non faccio più uscire nessuno. Se faccio un servizio lo faccio per bene». I conduttori cercarono a più riprese di far notare all’interlocutore – anche ironizzando sulla sua salute mentale – la gravità delle affermazioni, ma “Mario” continuò imperterrito.
«Le soluzioni sono due, o mi danno l’ergastolo oppure una medaglietta. Così sistemo l’Italia». E alla domanda dove abiti, rispose «dalle parti di Saronno», anche se dall’audio si intuì anche la parola «Lomazzo».

Mauro Peverelli

18 gennaio 2013

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
novembre: 2018
L M M G V S D
« Ott    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto