Derby benefico con i miti del basket lombardo
Sport, Territorio

Derby benefico con i miti del basket lombardo

Santo Versace con Andrea  Mauri, ad della Pallacanestro Cantù

I grandi nomi del basket di ieri tornano in campo per beneficenza: la data da segnare in agenda è quella di sabato 24 febbraio. Al palasport di Desio andrà infatti in scena l’Old star game 2018 con protagonisti i giocatori che hanno scritto le pagine di storia più importanti con le maglie di Cantù, Milano e Varese.
Un derby benefico, per raccogliere fondi a favore di Operation smile Italia Onlus, ente che ha come presidente Santo Versace, che dal 1982 cura in tutto il mondo i bambini nati con malformazioni facciali.
Ieri a Desio la presentazione dell’evento. A fianco dello stesso Versace a rappresentare Cantù c’erano Pierluigi Marzorati e l’amministratore delegato Andrea Mauri; per Varese è intervenuto il direttore generale Claudio Coldebella; per Milano c’era il g.m. Flavio Portaluppi. Non poteva poi mancare un grande ex di Milano e Varese come Dino Meneghin.

Santo Versace con Pierluigi Marzorati

Sabato 24 febbraio, dunque, a partire dalle 20.30, al PalaDesio andranno in scena tre partite. In panchina e in campo icone del basket nazionale e internazionale. Cantù sarà guidata da Arnaldo Taurisano – per lui un grande ritorno – Fabrizio Frates e Stefano “Pino” Sacripanti. Per Milano i coach saranno Dan Peterson – che sarà anche il presentatore della serata – e Franco Casalini. Varese avrà come tecnici Sandro Gamba, Tonino Zorzi e Carlo Recalcati.
La lista dei giocatori è lunghissima ed è in via di aggiornamento. Anche in base all’elenco completo si deciderà se far disputare, nelle singole gare, tempi da 8 o 10 minuti.
Tra i nomi che hanno dato il loro assenso spiccano Antonello Riva, Pace Mannion, Gianluca Basile, Dan Gay, Alberto Rossini, Beppe Bosa, Andrea Gianolla (Cantù), Gregor Fucka, Nando Gentile, Hugo Sconochini e Nando Gentile (Milano), Gianmarco Pozzecco, Arijian Komazec e Andrea Meneghin (Varese).
Gli organizzatori hanno scelto prezzi popolari per avere un largo afflusso di pubblico con promozioni riservate a gruppi.

Da sinistra, Dino Meneghin, Santo Versace e Pierluigi Marzorati

La manifestazione è alla terza edizione: la prima fu nel 2016 a Reggio Calabria, mentre bel 2017 ben 5mila persone seguirono il derby Virtus-Fortitudo a Bologna.
«È per noi un motivo d’orgoglio essere stati coinvolti in questa iniziativa – ha detto l’amministratore delegato di Cantù, Andrea Mauri – sia per il suo scopo benefico, sia perché riporterà in campo personaggi che hanno segnati i momenti più gloriosi non solo delle nostre società, ma del basket italiano».
A fianco degli organizzatori anche Tutti Insieme Cantù, rappresentata da Mattia Paganoni: «Siamo felici di supportare un evento che, attraverso i campioni di ieri, darà un a linfa importante anche al basket contemporaneo».
Massimo Moscardi

25 gennaio 2018

Info Autore

Redazione Corriere di Como

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
novembre: 2018
L M M G V S D
« Ott    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto