Devastati tre convogli di Trenord, danni per oltre 100mila euro

Vandalismo ai treni di Trenord

Vandali in azione sabato notte nella stazione di Como Lago

Il conto è impressionante: oltre 100mila euro di danni. A tanto ammonta l’atto vandalico andato in scena nella notte di sabato 20 marzo alla stazione di Como Lago. Seriamente danneggiati tre treni di Trenord di ultima generazione che erano in sosta lungo i binari della stazione comasca. Vetri di finestrini e porte spaccati, postazioni di comando imbrattate, kit di pronto intervento aperti e svuotati. I convogli sono stati trasferiti in deposito per le operazioni di manutenzione e ripristino.

La Polizia – con l’aiuto del servizio di sicurezza di Trenord – sta analizzando le immagini registrate dalle telecamere della stazione, nel tentativo di risalire ai responsabili. In base a quanto ricostruito e all’entità dei danni sarebbe entrata in azione una intera banda. Nei primi due mesi del 2021 – ha fatto sapere ieri l’azienda con un comunicato – gli atti vandalici hanno registrato un incremento del 30% rispetto allo stesso periodo del 2020, prima che iniziasse la pandemia. Tra gennaio e febbraio di quest’anno i treni sono stati colpiti 148 volte (per lo più vetri rotti e arredi interni distrutti) contro le 104 di un anno fa. Nel 2020 i malintenzionati hanno divelto 3.778 sedili, distrutto 477 finestrini e rubato 3.513 martelletti di sicurezza. Sono inoltre stati cancellati 153mila metri quadri di graffiti per un costo superiore a 1 milione e mezzo di euro.

«L’inciviltà di certi personaggi è senza limiti. Le bande di vandali – ha commentato l’assessore regionale ai Trasporti, Claudia Maria Terzi – procurano danni alla collettività e creano disagi agli utenti. Vandalizzare beni pubblici, i treni in questo caso, è un’assurdità inaccettabile. Mi auguro che le autorità possano individuare i responsabili con le immagini della videosorveglianza. Chiamiamo questi comportamenti per quello che sono: atti delinquenziali che denotano preoccupanti deficit culturali. Evidentemente si credono degli eroi ma sono solo degli imbecilli».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.