«Devi dimagrire»: la mamma rinviata a giudizio

Tribunale Como

La Procura di Como – pubblico ministero Massimo Astori – contestava a una madre di 49 anni il maltrattamento della figlia, in un periodo compreso tra l’ottobre del 2017 e lo stesso mese del 2018, quando cioè la zia della ragazza – che all’epoca aveva 16 anni – denunciò in Questura a Como il ferreo regime alimentare cui era tenuta la nipote minorenne. Le indagini avevano permesso di ricostruire quanto era accaduto, partendo dai «50 chili di peso» che – a detta della madre – la figlia non doveva superare perché «la bilancia non inganna». Una dieta a base di passati di verdura e insalate, con l’ossessione del peso limite (da misurare sulla bilancia e con una cadenza maniacale) per una adolescente alta 1 metro e 72 centimetri.

La vicenda era stata duramente contestata dalla difesa, tesi riassunta in una lunga memoria che è stata prodotta nel corso dell’udienza preliminare di ieri. A supporto anche le parole del padre, che ha sollevato la madre da ogni responsabilità. Tutto questo non è bastato, tuttavia, a ottenere la fine dell’incubo giudiziario per la donna, che è stata rinviata a giudizio con processo che inizierà nella primavera del 2022. È questo l’epilogo dell’udienza che si è tenuta ieri mattina di fronte al gup Laura De Gregorio.
Le indagini, come detto, erano partite dopo una segnalazione della zia (medico) preoccupata per i continui svenimenti, mal di testa e per la stanchezza cronica che aveva ormai colpito la nipote, che aveva anche perso il ciclo mestruale.

L’indagine era approdata prima a una misura cautelare. Una ordinanza restrittiva che aveva imposto l’allontanamento della mamma dalla casa e il divieto assoluto di avvicinare e comunicare con la figlia. Erano poi seguiti un incidente probatorio – in cui era stata sentita la presunta vittima – e una ulteriore consulenza tecnica sulla vicenda.
La misura cautelare, nel frattempo, era stata revocata perché il periodo di allontanamento – secondo il giudice – era servito a migliorare la situazione, rendendo meno difficili i rapporti tra mamma e figlia. Ora la vicenda arriverà all’epilogo dell’aula, dove la difesa potrà giocare tutte le carte per dimostrare l’eventuale innocenza della mamma.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.