D&G sul Lario, tutte le foto della prima giornata, chiusa da Casadei e Giusy Ferreri

La cena a Bellagio

Chiusura con i successi dell’Orchestra Casadei e le hit estive di Giusy Ferreri. San Giovanni a Bellagio ha ospitato la conclusione della prima giornata dell’evento di Dolce & Gabbana, che andrà avanti fino a domenica prossima, con la conclusione con la grande festa alla Villa Pliniana a Torno. L’atto iniziale di questa kermesse era “Alta gioielleria”, con la presentazione di una serie di pezzi unici, in buona parte ispirati ai Promessi Sposi, sul piroscafo Concordia. Partenza da Cernobbio e arrivo a Bellagio. Domenico Dolce e Stefano Gabbana hanno fatto gli onori di casa, salutando, uno per uno, tutti gli ospiti al loro arrivo sul Concordia e poi girando fra i tavoli durante la cena in una piazza San Giovanni allestita con una scenografia che ricorda quella delle feste patronali in Sicilia. I clienti della casa di moda sono arrivati da tutto il mondo, come pure i responsabili dei centri vendita e i giornalisti: circa 400 persone in totale.

Tra gli ospiti “vip”, Marpessa, la modella olandese icona degli anni Ottanta,  Kitty Spencer, la nipote modella di Lady D Diana Spencer e la modella “curvy” Ashley Graham. La conclusione, come detto, a Bellagio, con l’Orchestra Casadei che durante la cena ha proposto tutti i suoi successi, con tanti ospiti che – lasciata la veste formale – non hanno perso l’occasione per cantare successi come “Ciao mare”, “Romagna capitale”, “Musica solare”, “La mazurka di periferia” e, alla fine, “Romagna mia”. La conclusione è poi toccata a Giusy Ferreri, che ha proposto i suoi successi. Il menu? ravioli di melanzane con mozzarella affumicata e maggiorana; polpettine di manzo al sugo e gnocco di semola al pomodoro; meringata con crema al limoncello, lamponi, ribes e more. Poi tutti negli alberghi a ricaricare le pile per il secondo giorno: si prosegue oggi a Tremezzina al Parco Olivelli con “Alta moda”, con cena e dopo cena a Como nei giardini di Villa Olmo.

Massimo Moscardi

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.