Dichiarato il dissesto del Comune di Campione. Il sindaco chiede un tavolo ministeriale

Campione d'Italia
Schiacciato da un debito di oltre venti milioni di euro, pochi minuti prima delle 14 di oggi, il consiglio comunale di Campione d’Italia ha dichiarato il proprio dissesto finanziario, aprendo le porte all’intervento di un commissario ad acta.
Quattro consiglieri, in contrasto con la maggioranza nella quale sono stati eletti, hanno abbandonato l’aula prima del voto. I sette rimasti, compreso il sindaco e il vice, hanno approvato invece il dissesto.
«Purtroppo è rimasta soltanto la soluzione del dissesto – ha detto il primo cittadino Roberto Salmoiraghi – Una soluzione che ci costa molto perché credo che per un sindaco la cosa peggiore sia dichiarare il dissesto del proprio paese».
Il sindaco e la giunta, dopo l’arrivo del commissario, rimarranno comunque in carica, con possibilità però molto limitate. Il primo cittadino si dice comunque fiducioso di poter far ripartire Campione. «Adesso, con il dissesto – ha detto Salmoiraghi – la speranza è che si apra un tavolo di trattativa a livello ministeriale, sia tecnico che politico, per ridisegnare la mappa di Campione e per poter ricostruire qualcosa».
L’approfondimento sul Corriere di Como in edicola venerdì 8 giugno

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.